FIMED

Salutiamo la storica struttura medica caronnese
FIMED SI PRENDE CURA DEI ROSSOBLU
Con la Rossoblu card grandi promozioni per tutti noi. Finalmente attivo il servizio di recupero infortuni dedicato al settore giovanile
Fiducia costruita negli anni: Ettore Appella con la sua struttura è stato e lo è ora una figura di riferimento per il coordinamento dell’area sanitaria dei rossoblu. Ettore guida la FIMED, centro fisioterapico caronnese e nella nostra società si sente veramente in famiglia: conosce tutti, arrivare al centro sportivo per la partita e vedere il mitico Pericle Zaghi come sempre a bordo campo (mi racconta) e’ una cosa davvero bella. Poi c’e’ il rapporto con tutti, costruito sulla piena fiducia e reciproca stima, che ha reso questo sodalizio molto solido da anni. Ettore collabora con la Caronnese dal 2014, seguendo la prima squadra in modo diretto e coordinando tutta l’area sanitaria della Caronnese. Fimed nasce nel 2011 e l’impronta di questa struttura e’ da sempre stata orientata alla riabilitazione non solo sportiva, alla cura dei disturbi della postura e dell’accrescimento, delle asimmetrie, attraverso manipolazioni e terapie per il riequilibrio posturale globale. In taluni casi si può praticare anche una rieducazione respiratoria e posturale. Fimed e’ sempre stata all’avanguardia per quanto riguarda le attrezzature mediche, le tecniche e i mezzi diagnostici: all’interno della struttura si pratica anche la spinometria computerizzata della colonna, che permette una diagnosi mirata nonchè un approfondimento non invasivo da combinare ad un’unica iniziale radiografia. Sono poi molteplici le tipologie di terapie che posso essere implementate in Fimed per curare i pazienti: dalla Tecar  ai laser fino alle onde d’urto. L’equipe che lavora presso il centro Fimed è di prim’ordine: ortopedici, osteopati, fisiatri, fisioterapisti, chiropratici e anche una psicologa e una nutrizionista: in totale una ventina di specialisti al servizio della Caronnese e dei clienti della struttura. Ciò che Ettore fortemente  sottolinea in questa intervista è l’importanza di seguire i ragazzi ad una rieducazione funzionale, perchè se le patologie vengono prese in tempo si possono evitare problematiche soprattutto future: regola d’oro è sempre quella di non esitare a chiedere valutazioni per approfondire dubbi rispetto a possibili problematiche, specie se si tratta dei più giovani. Il rapporto tra Caronnese e Fimed è talmente importante che insieme ad Ettore abbiamo predisposto una grande promozione riservata ai possessori della Rossoblu card: per tutti gli atleti del settore giovanile la prima valutazione è gratuita e garantita entro 48 ore e in più Fimed applicherà il 20% di sconto su ogni trattamento. Non solo: anche per tutti gli altri possessori della Rossoblu Card (tifosi e collaboratori) c’è uno sconto del 10% su ogni trattamento. Fimed in questo modo coccola tutti noi venendo incontro alle nostre esigenze. Veniamo ora al settore prima squadra della Caronnese: lo staff che si occupa della prima squadra e’ composto, oltre che da Ettore che coordina tutti i lavori, dal fisioterapista Stefano Nicoli e dal massaggiatore Claudio Luinetti (che segue direttamente la Juniores Nazionale) oltre al dottor Alessandro Pagetti, medico sociale ufficiale, ortopedico di grande esperienza proveniente dal mondo del calcio professionistico. Ettore nel suo ruolo segue per la maggior parte le attività in studio, mentre Stefano Nicoli è presente tutti i giorni sul campo così come Claudio Luinetti, a seguito dei cadetti. Una grande novita’ di quest’ anno è l’introduzione del servizio di recupero infortuni di tutto il settore giovanile, attività attivata con la collaborazione del capitano della Prima Squadra Federico Corno a cui Ettore è molto legato da grande amicizia: in Caronnese si parlava da tanto tempo di attivare questo servizio per i giovani calciatori e ora è realtà! Ettore non fa pronostici per la stagione, ma rivela che MIster Gatti alla guida dei rossoblu è il top, unito al clima di assoluta serenità che si respira da sempre nello spogliatoio rossoblù.
Paola Emiliani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *