PARLA IL NUOVO DIRETTORE SPORTIVO

Raffaele Ferrara ai nostri microfoni: “Per me un progetto interessante, una nuova sfida”
PARLA IL NUOVO DIRETTORE SPORTIVO
Il deus ex machina rossoblu in esclusiva per Caronnese Calcio News
 
 
Alle spalle ha diverse esperienze nel mondo del calcio e ora sta affrontando questa nuova avventura con la Caronnese. Un progetto interessante, che parte da un’idea di rinnovamento e continua nel percorso della crescita dei giovani. Per lui una “sfida affascinante”. Abbiamo incontrato in esclusiva Raffaele Ferrara, direttore sportivo della Caronnese.
 
Primo anno alla Caronnese, cosa ti ha spinto a accettare questa nuova sfida?
Sicuramente il progetto. Un progetto che ha alla base l’idea di rinnovamento, per una squadra comunque molto giovane. Inoltre è un progetto biennale, che permette di lavorare nel tempo. Una sfida molto affascinante.
Nel tuo passato tante esperienze, quale in particolare ha formato il tuo percorso?
Sicuramente l’esperienza che mi ha formato di più è stata la seconda con la Reggiana, durata due anni. Lì, durante quel periodo, sono riuscito a vedere il calcio in modo diverso.
Qual è la stata la filosofia con cui avete messo in piedi la squadra per affrontare la stagione?
La filosofia che ha guidato ogni scelta è stata quella di puntare molto sui giovani, cercando di avere giocatori di proprietà e non in prestito. Questo è molto utile nell’ottica di lavorare su un biennio. Abbiamo cambiato molto e per questo il primo periodo è sicuramente il più difficile. La squadra si deve assestare, ma siamo sulla strada giusta.
Quindi nella continuità della storia rossoblu si continua a credere nei giovani….
Certo, i giovani continuano a essere molto importanti per noi. Basta pensare, ad esempio, che nella prima squadra ci sono due-tre giocatori che vengono dal settore giovanile. Poi è ovvio che per fare bene, anzi sempre meglio, bisogna riuscire a trovare il mix giusto fra giovani e giocatori di esperienza.
Prevedete rinforzi o cambiamenti? Troppo presto per dirlo?
È un po’ presto, però sicuramente non abbiamo la presunzione di pensare che abbiamo azzeccato tutte le mosse, soprattutto considerando che abbiamo cambiato davvero tanto. C’è tempo, quindi, per arrivare a dicembre e decidere di correggere qualcosa.
Dove puó arrivare questa squadra?
Io sono convinto che questa squadra abbia delle buone potenzialità, ci sono ampi margini di miglioramento – anche vista l’età media molto bassa – e per questo penso che si potrà far bene.
Che clima si respira alla Caronnese?
Ho trovato un clima molto buono, è una società seria che da alcuni anni nel campionato di Serie D occupa sempre le posizioni di alta classifica. Come primo periodo posso dire che è tutto positivo. Si lavora molto bene con le persone che ruotano intorno alla squadra, dalla proprietà ai dirigenti.
 Ilenia Moracci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *