FUORIGIOCO, CONSIGLI PER IL DOPO PARTITA

Settimana scorsa, tra un allenamento e l’altro, tra studio e cioccolata calda, i campioni rossoblu si sono dilettati tra cinema, musica e letture rilassanti. Ecco cosa ci suggeriscono stavolta! La seconda puntata di Dragon Trainer e Creed II e l’ennesima puntata del sequel di Rocky, hanno intrattenuto i ragazzi che hanno scelto di andare nei multisala del circondario. Qualcuno però appena é stata annunciata la data dell’ultima stagione di Trono di Spade ha deciso di stare a casa a rivedersi le stagioni precedenti tutto d’un fiato arrivando fino alla settima.E poi c’é chi é andato in discoteca: Promises di Calvin Harris, Taki Taki di Dj Snake, Play di Jack Jones sono i brani che li hanno fatti sudare di più. Ed ora tutti concentrati in campo!

C’é sempre però il secchione di turno che non leva il naso dai libri e ai malati di calcio suggerisce “Tattica. Principi, idee, evoluzione” di Francesco Scabar e a chi ama i romanzi “Mio fratello” di Daniel Pennac. Il calcio non è uno sport come gli altri, non solo perché si gioca esclusivamente con i piedi, esso è, infatti, l’unica disciplina sportiva che è stata capace di fondare le proprie radici nella cultura e nelle tradizioni di ciascun popolo. Grazie alla sua enorme popolarità, il calcio è diventato un vero e proprio specchio della realtà politica e sociale di un paese.  Dimmi che popolo sei e ti dirò che calcio giochi: perché i brasiliani hanno inventato il fuetebol bailado? Perché l’Italia ha inventato il Catenaccio e l’Olanda il Calcio Totale? Come mai gli inglesi amano il 4-4-2 e il gioco verticale sulle fasce mentre francesi e iberici puntano sul possesso palla e sul fraseggio orizzontale e corto? Questo libro cerca, con una carrellata di tutti gli schemi (dalla Piramide al 4-5-1) e le idee che hanno segnato la storia del gioco più popolare al mondo, di dare una risposta a queste curiosità.
Barbara Murgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *